Piadina Zero al Kamut

La piadina zero esiste

È al Kamut e… basta!

Piadina significa tradizione romagnola. E non solo. Ma come potremmo mai dire alle nostre nonne che potrebbero esistere numerose varianti di una semplicissima piadina? Eppure è proprio così. La piadina classica c’è e sempre ci sarà, in tutte le sue accezioni, dalla versione con lo strutto a quella con l’olio extravergine d’oliva, spessa o sottile, sarà sempre il prodotto di punta, ma accanto ad essa stanno prendendo vita tante altre alternative.

Col tempo sono nate le piadine realizzate con farine più o meno raffinate, dalla “00” fino all’integrale c’è una differenza sostanziale non solo in termini di valori nutritivi, ma anche dal punto di vista del sapore, del profumo e del colore della piadina stessa. Esistono anche piadine che prevedono l’utilizzo di una certa percentuale di un determinato cereale, come il farro, l’avena, l’orzo o lo stesso Kamut®. Ovviamente, la scelta delle materie prime può anche renderla biologica. Infine c’è la scelta del senza glutine, per la quale si utilizzano prodotti sostitutivi ai cereali.

Insomma, la gamma di piadine è vasta e si è sviluppata (e si sta ulteriormente sviluppando) proprio per rispondere alle esigenze di un mercato sempre più esigente e frazionato, fatto da persone con i propri gusti e che vogliono portare avanti le scelte alimentari ed etiche.

In questa ottica è nata la prima Piadina Zero della storia. Sì, proprio come le bibite zero, anche la piadina può essere zero. Grazie ai nostri esperti siamo riusciti a creare una ricetta che desse vita a una piadina ottima che avesse delle caratteristiche uniche, introvabili in un prodotto di questo genere.

Piadina al Kamut

Per prima cosa si tratta di una piadina realizzata con soli due ingredienti: farina e acqua. E basta. La farina scelta è quella del grano nella varietà khorasan, il cosiddetto Kamut®. Si tratta di un grano antico che viene prodotto soltanto seguendo le regole dell’agricoltura biologica e rispetta elevati standard di purezza, valore nutritivo e qualità. Perché un grano khorasan possa prendere il nome Kamut® è necessario che la sua produzione avvenga in una determinata area geografica che, grazie alle condizioni climatiche particolari, permette a questa varietà di esprimere al meglio le proprie caratteristiche. Il Kamut® è una varietà di grano che contiene un buon quantitativo di amminoacidi, vitamine e minerali. È chiaro, quindi, il motivo per cui abbiamo scelto di realizzare una piadina tanto particolare proprio con questo grano: la sua farina è talmente ricca che, per ottenere un risultato di valore elevato, non serve aggiungere altri ingredienti.

Se la farina e l’acqua sono le componenti che non possono mai mancare nella ricetta di una piadina, tutte le altre possono diventare facoltative. Noi abbiamo scelto di rinunciare ad inserirle nella ricetta, e da qui nasce il nome “Zero”.

Non ci sono grassi aggiunti (rispetto a quelli naturalmente contenuti nel grano khorasan Kamut®), quindi non sono presenti né lo strutto, né l’olio extravergine d’oliva. Questo determina una maggior leggerezza del prodotto che ha anche un apporto calorico molto più contenuto.

Zero è anche la quantità di sale presente. Non ne abbiamo voluto mettere proprio per renderla più possibile naturale e non alterare il sapore forte e deciso di questa farina.

Nemmeno il lievito fa parte della ricetta della Piadina Zero al Kamut®. Sappiamo bene che sono sempre di più i consumatori che scelgono di non consumare prodotti che contengano lievito, spesso per intolleranza o disturbi legati ad esso. Così, abbiamo completato l’elenco dello zero eliminando questo ingrediente dalla ricetta.

Logo BIO e Kamut

Nasce così una piadina leggera, morbida, dal sapore fragrante, sottile, che si esalta una volta scaldata, che si presta a qualsiasi tipo di farcitura ed è perfetta da consumare al posto del pane, così semplice. È anche una piadina che apporta pochissime calorie: soltanto 250 per 100g di prodotto, meno di un etto di pasta. È un delitto non provarla!