Senza Glutine - Gluten Free

Un prodotto senza Glutine cosa significa e chi lo deve mangiare

Senza glutine

Negli ultimi anni il concetto di “senza glutine” è entrato di prepotenza sulle nostre tavole e con questo articolo vogliamo spiegare più in dettaglio che cosa significa questo termine e chi sono le persone che possono mangiare “senza glutine”.

Innanzi tutto definiamo che un alimento “senza glutinedeve contenere una quantità di glutine inferiore ai 20 ppm. (20 Parti Per Milione) e corrisponde a una concentrazione di 20 mg (di glutine) su 1 kg (di alimento).

Grazie a studi scientifici e adottata da tutte le legislazioni di tutto il mondo, oggi finalmente siamo in grado di produrre cibo per i Celiaci.

Chi sono i Celiaci?

Il Celiaco è colui che soffre di una malattia autoimmune presente nell’intestino tenue danneggiandola e colpisce circa l’1% della popolazione.

Possono essere persone di tutte le età e che hanno una predisposizione genetica, non esistono terapie definitive ma, per chi è affetto, se non esegue una dieta a base di senza glutine rischia di far regredire la malattia.

Non stiamo ad elencare i vari sintomi per evitare di farsi un’autodiagnosi.

Infatti il problema più grosso che sta succedendo negli ultimi anni è la “moda” di identificarsi come Celiaci, ma attenzione!

Questo è molto pericoloso perché un organismo non affetto da questa malattia soffre molto di più mangiando prodotti senza glutine rispetto ad un individuo Celiaco, più avanti nell’articolo spiegheremo il perché.

Oggi nel commercio libero di vendita di prodotti e nella ristorazione tutte le aziende che possono garantire di produrre “senza glutine” o “gluten-free” devono apportare una serie di loghi che identificano in modo univoco il fatto che loro garantiscono l’assenza di glutine, in caso contrario sono responsabili di tale mancanza, con le conseguenze che ne concerne.

Tramite il Registro Nazione degli Alimenti è possibile vedere tutti i prodotti e le aziende che producono cibo per i Celiaci (puoi consultare il documento PDF all’indirizzo: www.salute.gov.it)

Per capire meglio lo stato d’animo di chi soffre “veramente” di questa malattia rispondiamo ad alcuni punti.

In quali cibi possiamo trovare il Glutine?

Possiamo trovare il Glutine in diversi cibi come il frumento, il farro, il kamut, triticale, segale, orzo, avena e spelta.

Il glutine fa male?

Miele, naturalmente è senza glutine

No il glutine non fa male, soffrono solo le persone Celiache e le persone allergiche, e non fa male a chi “crede” di essere Celiaco.

Infatti è molto importante che tutte le persone che si fanno autodiagnosi e credono di essere diventate intolleranti al cibo facciano subito un controllo da medici specialistici per verificare se soffrono di questa malattia oppure no.

Come abbiamo scritto in precedenza credere di essere celiaci può fare molto più male invece di esserlo veramente.

Molte persone pensano che mangiando senza glutine stanno meglio e affermano di non avere più nessun dolore, questo è noto come “effetto placebo” ed è molto pericoloso.

Inoltre molti credono che una dieta “senza glutine” aiuti a dimagrire, invece non è vero.

Fate sempre una visita specialistiche se avete dei sintomi, solo i medici possono sapere se siete celiaci oppure no.

Nei farmaci è presente il Glutine?

Sì, sotto forma di amido di frumento.

Tuttavia, è presente in una concentrazione talmente bassa che si soffre può assumerli tutti i farmaci presenti sul mercato.

La fonte del Ministero della Salute infatti conferma i limiti imposti dalla Farmacopea Europea che da la possibilità ai celiaci di assumere i farmaci presente sul mercato.

Se sono celiaco ho dei diritti?

Dopo tanti anni di battaglie ora le persone Celiache, a seguito della diagnosi del medico specialista, hanno dei diritti concreti come avere gratuitamente i prodotti dietetici senza glutine.

Essi infatti possono ritirare i prodotti nei supermercati, nelle farmacie e in tutti i negozi specializzati fino al raggiungimento di un tetto di spesa al mese e varia a seconda del sesso, dell’età e infine anche dalla regione.

Tramite questo link www.celiachia.it è possibile avere tutte le informazioni riguardanti buoni, comunicazioni e tanto altro ancora il mondo della Celiachia.

Come si può riconoscere un prodotto Senza Glutine?

Per tutti i prodotti senza glutine sono stati creati dei loghi presenti in tutte le confezioni:

Spiga barrata: simbolo rilasciato dall’AIC (Associazione italiana Celiachia), tutti i prodotti con questo simbolo vengono testati con rigidi controlli da parte di tecnici abilitati Logo AIC
Marchio del ministero della salute: La dicitura senza glutine che viene dopo il nome del prodotto viene autorizzata dal Ministero della Salute dopo diverse e rigide verifiche Logo del Ministero della Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *